Home  |  Chi SiamoContatti
Altre terre
Deserto Marocco
Latest Tours

Invito al Sud Africa

Tour Armenia e Georgia

Stati Uniti: i Parchi dell’Ovest

Algarve: Soggiorno Mare

Armenia Responsabile: il Regno dei Monasteri Perduti

Vietnam tra Artigianato, Gastronomia e Cultura

Marocco, l’Estremo Sud – L’Avventura della Frontiera Sahariana

Messico: soggiorno mare Tulum

Giamaica: soggiorno mare

Thailandia – Soggiorno mare Phuket

Laos Insolito

Laos, Vietnam e Cambogia: Tour

Vietnam Gran Tour

Vietnam Autentico

Mosca e San Pietroburgo

Emozioni del Senegal

Toronto Rainbow

Iran: i Mille Volti della Persia

Uzbekistan e Turkmenistan: sulle Orme degli Antichi Mercanti

Scoprire la Georgia

Yucatan Panorama

Riviera Maya al Bacerlò Maya Beach Resort

Mongolia tra Deserto e nomadi

L’Oceano e la Musica del Fado

Imperdibile Cuba: Avana + Cayo Levisa

All Included: Avana + Varadero

Uzbekistan Classico

Mongolia : Alla Scoperta del Deserto del Gobi

Argentina e Cile: Crociera Australis

Canada dell’Est

Canada dell’Ovest

Week end a Berlino – Turismo LGBT

Week end a Madrid – Turismo LGBT

India: il Classico Rajastan

Le Preziose Briciole della Croazia – Turismo LGBT

Islanda, la Terra Incantata – Turismo LGBT

Sulla Rotta Artica attraverso la Lapponia Finlandese – Turismo LGBT

Bangkok e Thailandia del Nord – Turismo LGBT

Stati Uniti: Florida e New Orleans – Turismo LGBT

Gran Tour dell’Andalusia

Stati Uniti: Real America – Fly & Drive – Turismo LGBT

Nuova Caledonia: Gran Tour – Turismo LGBT

Esperienza Australiana – Turismo LGBT

Messico Panorama: Le civiltà precolombiane

Costa Rica Express in Italiano

Costa Rica Pura Vida

Costa Rica Naturalmente

Dall’Oceano al Deserto, sulle Orme della Natura Selvaggia

Perù Classico: da Lima a Machu Picchu

Oltre la Via della Seta

Dalla Regione Ha Giang al Delta del Mekong

Senegal: Il Cuore Pulsante del Nord

Brasile Panorama

Sine Saloum: un Letto di Conchiglie – VIAGGIO DI TURISMO RESPONSABILE

Brasile Naturalistico

Mosca e San Pietroburgo: Arte, Storia e Diritti Umani

Mingalabar Birmania

Estensione: Isola di Pasqua Rapa Nui

Cile Self & Drive Laghi e Vulcani

Marocco del Nord: dalle Città Imperiali ai Sapori del Rif

Cuba – Un viaggio “Rivoluzionario”: dai sogni del Che alle Spiagge Dorate

Cile – Self Drive – Nord e deserto di Atacama

Cile Panorama con Isola di Pasqua

Cile e Argentina – La ruta del Vino

Tutto Marocco

Cile Panorama

Fuori dai Soliti Percorsi

Tesori Imperiali e Deserto

Cultura e Avventura

Il Grande Sud e le Kasbah

Meraviglie del Peru

Mosaico peruviano

Perù Gourmet

Tour delle Città Imperiali

Perù gran turismo – Chasqui Inka

Discovery Tunisia

Perù Classico – Manco Capac

Sulle Tracce dei Berberi

Deserto e Lezard Rouge

Rose del Deserto e Benessere

Esperienza Carovaniera

In Treno attraverso il Canada Francese

Perù Express – Huascar

Gran Tour Est-Ovest Stati Uniti

Oman: Profumo d’Incenso

Oman: Gran Tour

Vietnam: Viaggio sui Mitici Fiumi d’Oriente

Bali: Tour Classico

Il Cuore Pulsante dell’India

India: Orissa e Chattisgarh

India del Sud: tra Spezie e Templi

Giordania: Antiche Nuove Emozioni

Giordania e Gerusalemme

Esplorando la Cina

Cina Espresso

Australia Aborigena e Isole Fiji

Australia Fantastica

Fuerteventura, Appartamenti Maxorata – Corralejo

Gran Canaria, Hotel Miraflor Suite – Playa del Inglès

Tenerife, Aparthotel Pyramides – Playa de las Americas

Lanzarote – Blue Sea Appartamenti Costa Teguise Beach

Egitto – Mar Rosso: Soggiorno a Marsa Alam, Kahramana Resort

Vietnam Classico

Thailandia Classica: Tour

Giordania Classica: Tour

Alla Scoperta dell’Oman

Laos Classico: Tour

Maldive, Atollo di Ari Sud – Sun Island Resort

Bali e Giava: Tour

Splendida Calcutta e West Bengala

Cambogia Magica: Templi e Jungla

Brasile Coloniale

Stati Uniti: Fly & Drive

Canada: Fly & Drive

Mari del Sud: Crociera Isole Fiji

Nuova Zelanda: Aotearoa Tour

L’Essenza dell’Australia

Cina Magnifica

Meraviglioso Giappone

Alla scoperta della Mongolia

Tour Yasmine

Tour Sahara in Quad

Avventurandosi nelle terre del sud

Maestosa Natura Argentina

Meraviglie in Argentina

Argentina Tour

Visitando il Sud Argentina

Esplorando in Patagonia

Sulle Tracce del Sultano

Patagonia Panorama con Crociera

La Mitica Ruta 40

Marocco, l’Estremo Sud – L’Avventura della Frontiera Sahariana

Durata: 16 giorni/15 notti

Due settimane di entusiasmante avventura a contatto con la natura e le genti

Richiedi informazioni

Programma di viaggio
Quotazione
Documentazione

1° GIORNO: ITALIA MARRAKECH Arrivo a Marrakech. Prima visita della capitale rossa del sud: ingresso alla Medersa Ben Youssef, passeggiata nei labirintici suq, cena nella piazza più vivace del mondo, Djamalfna, tra luci e colori notturni che riconducono con la mente ad un favoloso passato… Pernottamento in albergo confortevole del centro della medina antica.

2° GIORNO: MARRAKECH – AIT BEN HADDOU Partenza dopo un’ulteriore visita in città (tombe saadiane) e un ultimo sguardo ai suq, verso l’Alto Atlante. Pranzo in villaggio tra i boschi e le cime montane, eventuale visita della Kasba della potente tribù del Glaoui a Telouet e discesa verso il variopinto deserto minerale di Ouarzazate, con tappa serale per visita al tramonto della Kasba più famosa del sud marocchino, Ait Ben Haddou. Qui si cenerà e si pernotterà in albergo semplice a lato della cittadella di terra ocra. Possibile concerto di musica tradizionale berbera della regione di Ouarzazate.

3° GIORNO: AIT BEN HADDOU – VALLE DEL DADES Dopo una passeggiata nella vicina Kasba Tamdaght, spostamento ad est, lungo la catena dell’Alto Atlante. Tappa a Ouarzazate, e arrivo per pranzo ad Ait Arbi, nella valle del Dades, vicino alle famose gole. Passeggiata nella piccola gola tra la formazione rocciosa detta “dita di scimmia”, cena e pernottamento in semplice ma confortevole albergo con vista meravigliosa sulla vallata e sulla kasba di Ait Arbi.

4° GIORNO: VALLE DEL DADES – ZAGORA Visita delle gole del Dades. Da Boumalne Dades si attraverserà il passo più bello dell’antiatlante:Tizi’nTazazert a 2200mt. Siamo sulla montagna Saghro. Arrivo al villaggio berbero Nekob alle porte del deserto, pranzo nel villaggio. Proseguimento lungo la Valle del Draa. Arrivo in serata a Zagora dopo brevi visite delle kasbe e delle oasi lungo la strada. Cena e pernottamento in confortevole albergo a Zagora.

5° GIORNO: ZAGORA – ERG CHEGAGA Partenza in 4×4 da Zagora verso M’hamid, sosta pranzo e ancora in pista verso le dune dell’erg Chegaga. Lunga passeggiata sulle creste mobili delle dune di sabbia, tramonto nell’erg, bivacco ai piedi delle dune e sotto le stelle.

6° GIORNO: FOUM ZGUID – TATA Visita della scuola per i bambini nomadi (progetto Share) e del villaggio di Sidi Abnebi. Sosta a Oued Sassi, dove un altopiano assolato offre migliaia di fossili… Arrivo a Foum Zguid per pranzo. Qui ci attenderanno i pulmini per avventurarci sulla lunga e agevole strada nazionale che passando per Tata e Akka porta a Goulmim e quindi all’Atlantico del sud marocchino. Ci si fermerà nell’affascinante abitato di Mighmina, case basse di terra ocra in un’apparente spianata e lungo un dosso che cela un’ampia ridente oasi. Un villaggio di gente molto accogliente. Seconda tappa nell’oasi di Tissint dove l’allora spia europea Charles de Foucauld soggiornò in un bel riad ancora in piedi nonostante il passare degli anni; qui, nonostante l’evidente durezza del paesaggio, c’è una certa abbondanza d’acqua. Si visiterà eventualmente anche il villaggio di Sidi Smail, abbarbicato sui canyon scavati da due oued ricchi di acqua… Si arriva quindi a Tata, dove ci aspetta l’amico Lahoucine per presentarci l’associazione Kasbat Zolite del suo villaggio nella vastissima oasi del capoluogo provinciale. Il progetto tenta di risollevare le sorti dell’oasi semi distrutta dalla siccità, attraverso irrigazione goccia-goccia… Tata si presenta ordinata e tranquilla e cela un territorio ricco di insediamenti umani anche antichi, oasi e caverne… Qui s’incrociano varie piste e strade di questo profondo sud. Cena con l’associazione di villaggio e pernottamento in albergo confortevole.

7° GIORNO: TATA – TAGMOUTE – TATA Trasferimento in giornata a Tagmoute, attraverso 40 chilometri di montagne disegnate del sud del Piccolo Atlante. Incontro con l’Unione delle Associazioni femminili di Tagmoute, pranzo alla Casa dello studente offerto dalle donne delle associazioni, visita dei numerosi villaggi e del ricco palmeto. Le associazioni femminili di Tagmoute cercano di emancipare le donne e di favorire nello stesso tempo l’economia locale, sviluppando l’artigianato, rafforzando le attività tradizionali, come agricoltura nell’oasi e pastorizia, e impegnandosi anche nel campo dell’istruzione e della formazione. Cena e pernottamento in albergo a Tata.

8° GIORNO: TATA – AMTOUDI Incontro con l’associazione Kasbat Zolite e visita di Agadir Lehna, villaggio molto grande e caratteristico della zona di Tata. Eventuale visita di magazzino di stoccaggio e vendita dei datteri. Partenza per Akka. Incontro con Mouloud, un uomo che ha consacrato la sua vita alla protezione dei siti di arte rupestre di questa parte del deserto dove qualche migliaio di anni fa c’era una rigogliosa vegetazione e conseguente fauna… Lo capiremo visitando almeno un sito di graffiti preistorici della zona, vicino ad Oum al Ek, accompagnati da Mouloud, dal veloce e sicuro passo del nomade. Visita dell’oasi di Akka, dei resti di uno straordinario minareto dell’epoca almohade (stesso stile della Giralda di Siviglia, della torre de Hassan di Rabat e della Koutoubia di Marrakech), e arrivo in serata nel villaggio di Amtoudi, ai piedi di un rosso canyon e di una meravigliosa costruzione mimetizzata sulla cima di una grande rocca, un agadir (granaio) fortificato. Cena e pernottamento nel piccolo albergo/campeggio nel cuore dell’oasi.

9° GIORNO: AMTOUDI Gita alla sorgente attraverso la lunga oasi nel canyon di roccia rossa, eventuale visita del secondo agadir, quello del villaggio gemello di Amtoudi. Prima del tramonto scalata della rocca lungo una comoda mulattiera per visitare lo straordinario agadir di Amtoudi. Incontro con Houssein, un giovane che si è specializzato nell’accompagnare trekking lungo le montagne di questo deserto dopo aver fatto una lunga esperienza con i nomadi. Houssein ha anche aperto un bellissimo piccolo museo della vita nomade e della preistoria locale nella casa vecchia di suo nonno, nel cuore del villaggio. Cena e pernottamento nel piccolo albergo/campeggio.

10° GIORNO: AMTOUDI – TAN TAN PLAGE Partenza verso l’Atlantico… Ma ancora tanto deserto attende lungo il percorso: un deserto sempre più duro e ostile. L’oasi di Taghjischt (passeggiata nell’oasi e nel villaggio vecchio) e la città di Goulmim saranno tappe obbligatorie, prima di arrivare a Tan Tan, città di frontiera; solo due decenni fa posto di blocco e ultima meta raggiungibile di questo territorio del sud, dilaniato dalla lunga guerra per l’indipendenza, ancora mancata, dei saharawi. Finalmente a Tan Tan Plage /Al Watia, sull’Atlantico appena a sud della bocca dell’oued Draa, dopo essersi perso nel deserto alla fine dell’omonima valle all’altezza di M’hamid, riesce a rispuntare in questa zona per sfociare nell’oceano. Cena e pernottamento in albergo sulla costa atlantica.

11° GIORNO: TAN TAN PLAGE – LAGUNA DI NAYLA Dopo una colazione di primo mattino, gita alla Laguna di Khnifis o Lac di Nayla, magnifica tappa naturalistica, dove una laguna oceanica è circondata da alte dune dorate e cela una vasta oasi ricca di pace e avifauna. Qui capita di incontrare alcuni militari annoiati e pescatori. Nient’altro che la grande solitudine dell’estremo sud, del deserto e dell’Atlantico che s’incontrano magicamente… Ritorno in serata per incontrare i giovani dell’associazione giovanile di Al Watia, per una piccola festa dopo cena. Cena e pernottamento in albergo

12° GIORNO: TAN TAN PLAGE – IFNI – TIZNIT Partenza ben presto per affrontare la lunga strada dritta tra ampie vedute di aride piane e monti, fino a Goulmim e poi tra più dolci colline fino a Mesti, un villaggio berbero dove si visiteranno le cooperative di olio d’argania (la pianta ‘fossile’ protetta della costa atlantica del Marocco che, recentemente valorizzata, produce frutti dai cui semi si ricava un prezioso olio cosmetico e alimentare) e di miele (in Marocco preziosissimo, se naturale). Arrivo a Ifni, o Sidi Ifni, la tranquilla località balneare rimasta per tanti anni isolata in quanto fino al 1969 era enclave spagnola alla stregua delle nordiche Ceuta e Melilla. Pranzo a Gzira Plage, la splendida spiaggia degli archi di roccia rossa. Trasferimento a Tiznit per cena e pernottamento in albergo.

13° GIORNO: TIZNIT – ESSAOUIRA Trasferimento lungo la costa, attraversando la grande capitale berbera Agadir, fino a Taghazoute, piccolo villaggio turistico di pescatori e surfisti. Sosta pranzo prima di proseguire lungo la piacevole e tortuosa strada atlantica verso Essaouira. Arrivo per godere della vista del tramonto dai famosi bastioni di Skala. Cena in ristorante tipico e pernottamento in hotel.

14° GIORNO: ESSAOUIRA Essaouira, la regina degli Alisei, è una città dal clima mite tutto l’anno (estati fresche e inverni tiepidi) grazie alle arie oceaniche che l’accarezzano soprattutto d’estate (qualcuno direbbe piuttosto la schiaffeggiano…). Bianca, dalle persiane azzurre, le belle porte sottolineate dalla pietra locale e i bastioni ocra imponenti sull’oceano, da cui ammirare il tramonto e le passeggiate di ragazzi e ragazze locali che qui vi si danno appuntamento… Il grande porto dei piccoli pescherecci e dalle azzurre barchette che ogni notte affrontano le pericolose onde dell’Atlantico… Le vie centrali circondate da variopinti negozi del migliore artigianato (legno di tuia, di cui si abusa per l’oggettistica rinomata, in primis). Nel pomeriggio si visita Sidi Kaouki (pranzo dalla signora Mirella, italiana ormai da tanti anni a Essaouira), una breve passeggiata a Sidi Mbarek, marabutto e cascate prima della spiaggia sabbiosa sull’oceano… Incontro con la cooperativa di argania di Imi’n Tlit, attraversando splendide arganiere e uliveti dell’entroterra atlantico. Cena in ristorante tipico e pernottamento in albergo. Eventuale concerto di musica tradizionale suiri, Gnawa (i musicisti gnawa sono di confraternite sufi di derivazione africana, suonano e cantano a ritmi intensi che possono condurre anche alla trance).

15° GIORNO: ESSAOUIRA – MARRAKECH Ultima passeggiata tra bastioni e negozietti della placida città atlantica. Partenza per Marrakech. Cena nell’atmosfera medievale di Djama’l fna e pernottamento in albergo confortevole della medina.

16° giorno: ITALIA Partenza per l’Italia.

NB: le informazioni riportate potrebbero subire variazioni. Eventuali modifiche e/o aggiornamenti saranno forniti in fase di iscrizione

Prezzo a persona a partire da: € 650 + € 150 volo + € 550 cassa comune

La quota comprende:
– quota di iscrizione (30 euro),
– fondo per lo sviluppo di progetti locali (35 euro),
– assicurazione Allianz per assistenza medica,
– spese di cura e bagaglio,
– compenso e rimborso spese mediatore culturale presente durante tutto il tour,
– noleggio minibus per gli spostamenti interni in Marocco, auto 4×4 per le escursioni sulle dune, compenso autista e spese carburante.
– Spese di spedizione e organizzazione

La quota non comprende:
– le tasse aeroportuali;
– tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

La cassa comune (da portare con sè) comprende:
– pasti e pernottamenti,
– visite, che saranno pagate direttamente in loco dai partecipanti.

Partenza programmata: 21 ottobre 2017

SI PREGA DI LEGGERE ATTENTAMENTE QUANTO SOTTO RIPORTATO

Documenti Necessari per ingresso in
I cittadini dell’Unione Europea possono entrare in         con i seguenti documenti:

I cittadini non appartenenti all’Unione Europea devono recarsi presso la propria ambasciata per ottenere le necessarie informazioni.

Si raccomanda di portare con sé fotocopia del passaporto o  della carta d’identità e due foto tessera, custodendole separatamente dagli originali. In caso di furto o smarrimento le procedure di ottenimento dei documenti sostitutivi risultano molto più facili e più veloci.

Documenti per viaggi  di minori: passaporto/carta d’identità

Dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano dovranno essere muniti di documento di viaggio individuale. Pertanto, a partire dalla predetta data i minori, anche se iscritti sui passaporti dei genitori in data antecedente al 25 novembre 2009, dovranno essere in possesso di passaporto individuale oppure, qualora gli Stati attraversati ne riconoscano la validità, di carta d’identità valida per l’espatrio.

Come  da recente normativa, ogni passeggero deve controllare la validità dei propri documenti di viaggio e  visionare prima della partenza il sito www.viaggiaresicuri.it  per prendere visione di ogni eventuale rischio o problema presente nel Paese di destinazione.